martedì 1 maggio 2018

ARMONIZZAZIONE ENERGETICA



di Elena Samaya Trezza

ARMONIZZAZIONE ENERGETICA – METODO O.P.H.
Quando lo sguardo è fiducioso e sereno, è facile rendersi conto di come la realtà, in ogni sua manifestazione, è l'espressione del tentativo di mantenersi in equilibrio, pur nel continuo cambiamento. Equilibrio, cambiamento, la vita stessa, scaturiscono dall' idea di un'energia primaria, un quid ordinante, ispirante, onnipresente, che esiste in ogni cultura: i cinesi chiamano questa energia CHI, i giapponesi KI, gli indiani PRANA.

Il prana è l'energia che respiriamo, che assorbiamo dalla Madre Terra e dal Sole. E' la sostanza di cui siamo fatti che, nella sfera umana, si manifesta con 7 tonalità e caratteristiche corrispondenti ai 7 chakra principali, proprio come la luce del sole si scinde nei 7 colori passando attraverso un prisma. Il compito dei 7 chakra ( dal sanscrito: ruota) è quello di caratterizzare l'energia cosmica e dotarla di particolari funzioni, perché ogni chakra contiene in sé la struttura di numerose manifestazioni, atteggiamenti, modi di concepire la realtà e di affrontare gli impegni che la vita pone sul nostro cammino.
Schematicamente:
1° CHAKRA è localizzato alla base della spina dorsale; è associato alla sopravvivenza. Il suo elemento è la terra; il colore di riferimento è il rosso.
2° CHAKRA è localizzato nella parte inferiore dell'addome; è associato alle emozioni e alle relazioni. Il suo elemento è l'acqua; il colore di riferimento è l'arancio. 
3° CHAKRA è localizzato nel plesso solare; è associato al potere personale e all'energia metabolica. Il suo elemento è il fuoco; il colore di riferimento è il giallo.
4° CHAKRA è localizzato sopra lo sterno; è associato all'amore. Il suo elemento è l'aria; il colore di riferimento è il verde.
5° CHAKRA è localizzato nella gola; è associato alla comunicazione e alla creatività. Il suo elemento è il suono; il colore di riferimento è il blu.
6° CHAKRA è localizzato nel centro della fronte; è associato alla chiaroveggenza e all'intuizione. Il suo elemento è la luce; il colore di riferimento è l'indaco.
7° CHAKRA è localizzato in cima alla testa; è associato alla comprensione e alla coscienza trascendente. Il suo elemento è il pensiero inteso come coscienza; il colore di riferimento è il viola.


I chakra sono strutture energetiche estremamente “sottili”. L'aggettivo “sottile” è attribuito alla qualità delle energie che compongono la struttura dei chakra e dei corpi che li contengono.
Il metodo definito come Armonizzazione Energetica – O.P.H., fa riferimento alla mappa dei 7 chakra e dei 7 corpi che, schematicamente, sono:
corpo fisico
corpo eterico
corpo astrale
corpo mentale
corpo spirituale
corpo cosmico
corpo nirvanico

Ogni corpo, come i chakra, ha le sue caratteristiche e potenzialità espansive ed evolutive, interagendo inevitabilmente con tutti gli altri in una costante, splendida, a volte difficile, danza armonica verso l'equilibrio. La specificità di ogni corpo consente un approccio mirato ad ogni tematica, ma senza dimenticare l'insieme, perché l'intervento dell'operatore parta da una visione prevalentemente olistica piuttosto che sintomatica.
Cosi' ad esempio, se una persona accusa afonia e tosse alla vigilia di un debutto teatrale a livello amatoriale, posso presumere che la tematica sia concentrata prevalentemente a livello energetico sul terzo corpo, e precisamente sul 3° e 5°  chakra; il mio approccio sarà pero' sia specifico che globale, centrato sul sentire quello che c'è, piuttosto che sulla conoscenza mentale, eventualmente orientato a contattare le cause della tematica, qualora l'energia della persona si renda disponibile a questo scopo e sempre in un'ottica di potenziamento dell'equilibrio.
Gli strumenti sui quali puo' contare un operatore di armonizzazione energetica sono assolutamente economici e alla portata di tutti ma, paradossalmente, non sempre di immediato e semplice reperimento. Si tratta  delle proprie mani, di un cuore ricettivo e di un canale energetico fluente, libero, nella presenza. Per questo motivo, fattore essenziale risulta essere la continua ricerca interiore, il lavoro su se stessi, la meditazione, per procedere in un percorso spirituale che dal buio dell'incoscienza porti verso la luce di una consapevolezza sempre maggiore. 
Esistono qualità essenziali per questa ricerca, che a volte si scopre di avere solo durante il cammino, o viceversa, rivelando insospettate carenze, possono essere meglio approfondite e comprese: mi riferisco alla FIDUCIA. Al CORAGGIO. Alla DEDIZIONE e al SERVIZIO. All' UMILTA'. Alla PAZIENZA. 
All' AMORE.

Nessun commento:

Posta un commento